WEEK 8 OIRC VS STE ANNE

Terz’ultima partita di regular season, si gioca con Ste Anne, campione 2013 della superleague che dopo un avvio di campionato un pò stentato si è inalzato sino alla terza posizione con la prima squadra e alla seconda posizione in classifica con la seconda.

Noi abbiamo tanti, troppi infortunati e ho deciso di dare un turno di riposo a tutti gli acciaccati, i 7 punti di vantaggio sull’ultima e i sette di ritardo su quelli davanti mi hanno già portato a pensare ai Play off.

La seconda era davvero povera di talento, tanti, troppi i prestiti alla prima per poter fare una partita arrembante, ma come al solito il cuore non manca e grazie ad un secondo tempo davvero positivo, dopo essere andati sotto 12 a 0 siamo arrivati vicini al portarla a casa. Abbiamo perso per 12 a 7. lasciando sul terreno tre punti in classifica che ci permettono comunque di averne altri 4 da gestire nelle prossime due partite dove giocheremo con Indians e Montreal Irish.

La partita clou di questo sabato era però quella tra le due prime squadre. Dopo l’esaltante prova di sabato scorso ho deciso di ridare fiducia a Max a 10, e Travis a 7, titolari per la prima volta nella squadra che conta. Entrambi mi hanno ripagato con una prestazione davvero buona!!!
Siamo partiti forte, 12 a 0 dopo neanche 15 minuti, arrembanti ma come successe all’andata, dopo un inizio balbettante Ste Anne è venuto fuori chiudendo il primo tempo con tre mete non trasformate. 15 a 12 per gli ospiti. Nel secondo siamo rientrati con uno spirito diverso, garibaldino oserei dire e in poco tempo siamo tornati avanti grazie ad un altra meta non trasformata prima di un loro calcio di punizione che a 20 minuti dalla fine ci portava sul 18 a 17. La meta del sorpasso e del bonus arriva a 15 minuti dalla fine, bell’azione penetrante e meta!!! Irish in vantaggio per 22 a 18. Cigliegina sulla torta la meta del +11 a 4 minuti dalla fine che fissa il finale sul 29 a 18!!! Grande festa!!!

Gli indians battono i Wanderers senza lasciargli alcun punto di bonus, che significa, grazie ai 5 punti conquistati, +12 in classifica a due partite dal termine con solo 10 punti disponibili.

SUperleague anche il prossimo anno!!!

Ora CRQ, che ha solo un altra partita da giocare contro i Wanderers è solo due punti avanti a noi. Arrivare quarti vorrebbe significare quarti di finale in casa invece che fuori, in particolare non si dovrebbe andare a giocare in quebec di nuovo. Due partite con le prime due della classe, un sogno proibito ma non impossibile se si gioca con il cuore!!!

Se non ho fatto male i conti questa è la classifica a due turni dal termine, indians e CRQ hanno già giocato la loro partita di ritorno e quindi hanno solo una partita ancora.

PREMIERE
INDIANS 35PT
MIRFC 31PT
STE ANNE 22PT
QUEBEC 20PT
OIRC 18PT
WANDERERS 6PT

RESERVE
OIRC 33PT
STE ANNE 29PT
MIRFC 29PT
INDIANS 26PT
WANDERERS 7PT
QUEBEC 6PT

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

WEEK 7 MONTREAL QRC vs OIRC

Nella settima partita stagionale, il week end del 12-13 luglio, siamo andati a giocare a Quebec city, capitale del Quebekistan.

QRC è una delle squadre meno forti del nostro campionato ma quando gioca tra le mura amiche diventa quasi imbattibile, sarà per l’orgoglio? sarà per il campo? no è semplicemente dovuto alla trasferta. Quando Fabio, l’allenatore degli Indians, mi diceva che metà squadra non verrà per vari motivi non ci credevo.
Mi dicevo, cazzo è l’unica grande trasfertà, partita importante organizziamo in grande!!!! così grazie all’aiuto di Moran abbiamo preparato la trasferta, partenza il venerdi e rientro tra sabato e domenica, 20 dollari per una notte 55 per due, insomma nessuna scusa. E invece tra infortuni, campionati nazionali di rugby ed indisponibilità siamo andati a Quebec con 32 giocatori per due partite.
Ero arrabbiato, mi sono reso conto che per molti la squadra non è la priorità. Ho dovuto giocare, mi sono divertito, nuovo ruolo, pilone destro.

Le partite sono state entrambe molto belle, la seconda dopo essere stata sotto per 10 a zero ha rimontato e vinto per 17 a 10, frutto di alcune ottime prove individuali, max e travis su tutti, e soprattutto di un grande cuore che davvero non manca mai. Mi stupisco sempre di questa squadra che nonostante dia ogni domenica, visti i numerosi infortuni, 5-10 giocatori titolari alla prima sia sempre li a combattere per vincere. Sono ora 11 le partite di fila senza sconfitta.

La prima, dopo la vittoria di sabato scorso con i Wanderers era attesa da un’altra prova convincente visto che CRQ era la squadra sopra a noi in classifica e vincere sarebbe servito a superarli. La panchina supercorta e un inizio a dir poco allucinante, sotto di due mete nei primi 5 10 minuti ci ha tagliato le gambe, ma ancora una volta un grande cuore ci ha riportato sotto sul -5 all’ultimo minuto sul punteggio di 22 a 17 per loro. Palla per noi dentro i nostri 22, invece di calciare fuori, portare a casa il bonus point e lasciarne 4 a crq proviamo a vincerla, attacchiamo, sbagliamo, perdiamo la palla e segnano loro. game over 27 a 17, nessun punto di bonus, 5 per loro e +7 a tre turni dalla fine, insomma praticamente impossibile da riagganciarli visto i prossimi tre impegni contro le prime tre della classe, Ste Anne, MIRFC e Indians.

La cosa bella della partita, oltre ad una super attitudine, è stato il post game. I 20 che hanno deciso di fermarsi in Quebec hanno dato vita ad una serata memorabile, che mi porterò dentro per un bel pò.

Torniamo da Quebec con le ossa rotte, ma per fortuna gli altri risultati di giornata ci sorridono. Gli Irish hanno asfaltato i Wanderers quindi nonostante la sconfitta rimaniamo sopra di sette punti, ma la quarta e la terza sono ancora punti avanti a noi, insomma siamo in un limbo.

SAbato 21 giocheremo ad Ottawa contro Ste Anne, un risultato positivo potrebbe fare la differenza per chiudere in anticipo ogni discorso salvezza.

ciao!!!

CLASSIFICA
http://www.rugbyquebec.qc.ca/index.asp?id=837
RISULTATI
http://www.rugbyquebec.qc.ca/index.asp?id=839

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento

Week 4, 5 e 6

E’ passato molto tempo dall’ultima volta che ci siamo sentiti ma molte cose sono accadute. Il lavoro mi ha assorbito totalmente, il primo di Luglio è stata la festa nazionale e la preparazione per l’evento è stata infinità. Tutto andato benissimo comunque.

Il rugby è vissuto di alti e bassi recentemente.
Abbiamo giocato la week 4 in Ste Anne, contro i campioni in carica della superleague, che durante la prima parte di stagione avevano raccolto ben poco per via di assenze importanti che con noi, sfortunatamente, sono rientrate. Non ho potuto assistere alla partita per via di un matrimonio e quindi le info che ho a disposizione sono estremamente ridotte.

La partita della prima squadra è stata piacevole ma purtoppo l’hanno portata a casa loro per 21 a 38 nonostante una nostra partenza sprint, dopo 20 min eravamo avanti per 14 a 0. Per noi neanche il meritato punto di bonus. La differenza l’ha fatta l’esperienza e la lora abilità di essere sempre pericolosi nel gioco aperto.

La seconda ha dominato in lungo e in largo senza però riuscire a uccidere la partita, come la settimana prima contro i Montreal Wandreres. Sfortunatamente dopo essere stati avanti tutta la partita ci siamo fatti raggiungere sul 26 a 26 all’ultima azione

La domenica dopo ci aspettavano gli Indians per il primo derby cittadino dell’anno. La nostra seconda ha rumbato la loro seconda pesantemente. Il primo tempo si è chiuso sul 20 a 0 grazie a due calci e due mete trasformate. Nella seconda parte abbiamo allargato la forbice segnando altre due mete non trasformate. Dopo aver cambiato tutta la panchina, abbiamo calato il ritmo portantdo a casa una bella vittoria convincente per 37 a 10. La prima invece le ha prese di santa ragione, soprattutto nel primo tempo chiuso sul 26 o 24 a 0 per gli indians, 4 mete subite e zero gioco, zero coglioni, insomma una cagata pazzesca. Ero frustrato, gli indians hanno un pack veramente fisico e lo hanno sfruttato dal primo all’ultimo minuto mettendoci sotto di brutto. Da parte nostra invece c’è stata una bella reazione nella ripresa, quando però i giochi erano già fatti. il risultato finale, 36 a 12, dice tutto su come la partita non sia mai stata in equilibrio.

Ed eccoci al resoconto di ieri.

Al giro di boa, prima della partita di questo sabato ci trovavamo quindi primi con la seconda squadra con 4 vinte e una pareggiata e penultimi con la prima, davanti al fanalino di coda Wanderers con cui abbiamo pareggiato in Montreal durante la week 3.

La partita contro di loro, in casa nostra era quindi fondamentale per entrambi i club. A loro per agganciarci, e a noi per dargli una bella mazzata visti i soli 3 punti che ci separavano.

La seconda dopo un primo tempo incerto ha dominato e ha portato a casa la partita in scioltezza, molte note positive da questo gruppo che sempre di piu’ sta prendendo consapevolezza nei propri mezzi. Il risultato di 34 a 17 non rispecchia il divario tra le due squadre.

La prima ha giocato nervosa, la posta in palio era alta, altissima, ed il primo tempo finito sul 10 pari era li a dimostrarlo.
Nella seconda parte della gara dopo un nostro calcio di punizione loro hanno segnato la terza meta che li ha portati sul 13 a 17a 20 minuti dalla fine. Ero una furia sulla side line, le squadre si sono equivalse dall’inizio alla fine e serviva un episodio per cambiare il volto alla partita. Loro sulle gambe, noi alla garibaldina in attacco. La nostra rimessa laterale con un saltatore solo visto i molti indisponibili non stava funzionando bene, proviamo quindi una furba, la maledetta funziona, il pilone si invola e schiaccia la sua prima meta con i seniores. Siamo di nuovo avanti, 20 a 17. I wanderers non ne hanno piu’ noi cerchiamo la meta del bonus che arriva a due minuti dalla fine, buco e off load, parte la festa.

Ora dobbiamo gestire 8 punti di vantaggio in 4 partite. Sabato serve fare punti in quebec city, ma i numeri latitano già, colpa di troppi infortuni che ci stanno davvero decimando!!! Ma oggi me la voglio godere… abbiamo fatto un passo importante e spero decisivo per giocare anche l’anno prossimo la superleague.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Patty Bolands

Ciao a tutti, dopo un bel week end senza rugby, con tanto di festa a sorpresa per il mio compleanno, sono qui a raccontarvi del posto dove lavoro.

draft-taps

Come alcuni di voi sapranno a partire da novembre 2013 ho messo a frutto i miei 5 anni di studi universitari nel campo delle scienze motorie per finire a lavorare in un pub. Scherzi a parte, sto continuando ad allenare come potete vedere dagli altri post ma tutto il collaterale dell’insegnamento mi è sceso completamente dopo essere arrivato qui.

Come dicevo ad Ottobre, in piena Fall season di rugby, ero un pò preoccupato per il mio posto di lavoro visto che, dopo una bella estate a muovere ferro nel cortile dell’azienda Access Ringing, stava arrivando il freddo inverno canadese. A metà ottobre è arrivata la prima nevicata e la prima giornata di lavoro sotto zero all’aperto che mi hanno fatto propendere per riaprire un argomento che credevo chiuso con Jack Bisson un mio giocatore.

Jack tempo prima mi aveva proposto, per scherzo, di aiutarlo nel suo pub e quindi dopo la partita con l’università di Queens mi sono fatto coraggio e mi sono seduto con lui a chiaccherare dell’opportunità.

La sua idea era puramente manageriale, gli serviva qualcuno che badasse al locale quando lui non c’era. La mia prima obiezione fu che la mia esperienza nella ristorazione era pari a zero ma che ad organizzare persone e risorse, problemi non ne avevo. La sua risposta, meglio così che non hai brutte abitudini, mi convinse a darmi una chance.

Ho iniziato dal basso, cameriere in formazione, cucina e lavapiatti e poi nel giro di poco alcuni turni come aiuto barista, giusto per capire un pò alla volta come funzionavano le cose. Il lavoro è stato stimolante e sicuramente è stata l’occasione per migliorare ulteriormente il mio inglese soprattutto quando lavoravo come cameriere o barista. La cosa che mi dava i maggiori grattacapi era imparare a memoria come si facevano i vari cocktail, ma devo dire che ora, quantomeno quelli base, li so fare facilmente.

Ho iniziato a lavorare li nei primi giorni di novembre 2013 e l’idea comune era quella di fare cicli di due tre settimane nei differenti campi in modo da capire come muovermi. Il problema era che tutti sapevano che io ero l’allenatore del padrone, con zero esperienza e quindi ero visto un pò come il paraculato della situazione, e all’inizio a dire la verità lo ero completamente, non sapevo niente e di disastri ne ho fatti parecchi, soprattutto perchè spesso ero un intralcio invece che un aiuto. Non ho mollato un cazzo però, mi sono dato da fare e ho iniziato ad essere efficace.

Dopo due mesi di 30 ore di lavoro tirate alla settimana, facevo fatica a lavorare visto il periodo lento al locale, sono partito per l’italia, tre settimane incredibilmente dense e al ritorno di nuovo li. Le prime responsabilità sono arrivate al mio ritorno, chiavi del locale e turni notturni del martedi e giovedi, i giorni morti della settimana dove se vendi 100 euro sei contento. A me sono serviti per imparare come muovermi dietro al bar e come cameriere senza pressioni, turno dalle 5 di sera alle 2 di mattina con pulizie comprese. Insomma responsabilità.

Non ho dato fuoco al locale, non ho perso soldi, non ho creato problemi, insomma ero in perfetto orario, o in anticipo come sovente diceva jack, sulla tabella di marcia per il mio ruolo di manager nel locale. Una sera, intorno a metà marzo, dopo una serata di merda dove mi avevano assegnato come cameriere una sezione veramente lenta ho avuto un colloquio durante l’orario di lavoro con Jack, dove gli ho detto come secondo me avrei gestito la serata e da li è iniziato tutto. Il giorno dopo mi ha proposto di passare a fare cose organizzative invece che lavorative. Mi ha proposto di prendermi cura a partire dal primo aprile di tutta la gestione dei liquori e birra. Ovviamente ho accettato, la mia scaletta lavorativa è cambiata molto, molti meno turni dietro al bancone o a servire e maggiore lavoro dietro le quinte.

Ora voi direte, che ci vuole a gestire il liquore di un bar… beh un paio di numeri, in casa abbiamo circa 25000 dollari di alcolici, e ogni settimana ne spendiamo circa 10000 per rifornimenti vari solo per la parte bere. Patty bolands, che non è ancora a pieno regime è un Irish pub su due piani con servizi di ristorazione e night club, insomma bere, mangiare e ballare. Un mostro da circa 500 coperti a pieno regime… un mostro assetato in costante necessità di cure.

Prendersi cura dell’inventario degli alcolici è molto semplice e non ti prenderà piu’ di due ore a volta mi disse jack prima di iniziare a farlo. Ti aiuterò io le prime volte cosi da farti vedere come lo voglio fare. Ora ripensando a quelle parole mi vien da ridere, Jack è il padrone, e ha molti pensieri per la testa e quindi non ha mai avuto il tempo di farlo con me. Ora come diceva se lo fai con il culo e ad occhio ci metti due ore, se invece sei preciso come ti ha insegnato mamma Clara, se pesi tutti i Keg di Birra, se unisci tutte le bottiglie per essere pìu’ accurato ci vogliono almeno 4-5 ore… e una schiena nuova visto che i keg sono almeno 50 kg se non piu’ quando sono pieni.

Ogni settimana presento i miei numeri,conto tutto, i numeri non mentono mai!!!

Il primo di maggio 2013 è stato il giorno in cui Jack ha ufficialmente comprato il locale, quindi abbiamo deciso di fare una festa il 30 aprile per festeggiare Jack e il locale, occasione per presentare il nuovo menu’ estivo e per annunciare il mio nuovo ruolo di manager.
La sorpresa però arrivò circa due settimane prima, dopo appena due settimane a prendermi cura dell’inventario Jack mi ha detto che era molto sorpreso per come mi prendevo cura del locale e che voleva che io prendessi piu’ responsabilità. Mi ha proposto di diventare assistant general manager ruolo che mi portava ad essere, insieme allo chef, la persona piu’ alta in carica nel locale quando lui non c’era.

Questo prevede molte responsabilità e soprattutto molte conoscenze che io tutt’ora non ho. Siccome però sono sempre un pò pazzo ho deciso di accettare la proposta e così il 30 aprile, davanti a tutti, jack, con buona pace di tutti gli altri che aspiravano a quella posizione, ha dichiarato che in sua assenza io ero la sua voce, bella responsabilità. Devo dire che tutti mi stanno dando una grande mano, a partire dagli altri manager, Christoph e Jeanette che di esperienza ne hanno molta piu’ di me.

Sono felice e mi sento realizzato e valorizzato, la paga è buona, gli orari lavorativi sono ottimi e flessibili per sostenere i problemi famigliari e il rugby!!!

Insomma ho trovato davvero un bel posto di lavoro!!!

Un abbraccio.

Ps se volete curiosare qui trovate il sito del locale:

http://pattybolands.com/

EDIT ecco il piu’ bel messaggio che mi è arrivato per il compleanno, orgoglioso…

Happy Birthday Marco, I hope you have a great day. I’ve played a lot of competitive sports, with just as many coaches. Your one of the best coaches I have had, and probably the most dedicated. Thanks again, we wouldn’t be in the super league or belong in the super league with out you.

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento

WEEK 3 MONTREAL WANDERERS vs OIRC

Ciao a tutti, oggi niente lavoro, solo riposo e famiglia con qualche lavoretto da fare in casa.
Nel giorno del 68esimo compleanno del nonno Checco vi voglio raccontare che cosa è successo nell’ultima di campionato.
Ieri siamo stati ospiti dei Montreal Wanderers, squadra che avevamo affrontato tre volte due anni fa perdendo tutte le partite con la prima e vincendo tutte le partite con la seconda. Fortunatamente il trend è cambiato ma non completamente in meglio.

10390509_10203751921496121_6357542682863177929_n

La squadra riserve arrivava da due nette vittorie nelle prime due partite, situazione opposta a quella dei MW, mi aspettavo una partita leggermente piu’ facile di quella che in realtà è stata. La vittoria finale non è mai stata in dubbio ma, nonostante il 32 a 21 finale con i 5 punti in classifica conquistati, abbiamo fatto molta fatica ad uccidere sta brutta bestia. Dopo essere stati avanti per 17 a 0 infatti, gli abbiamo lasciati rientrare in partita facendoli segnare tre mete, intervallate da altre due nostre segnature. Doveva e poteva essere una partita molto piu’ semplice, Stronzi noi.

La prima è partita come al solito in difesa, 20 minuti a difendere e contenere le sfuriate dei MW riuscendo però a portarsi sul 10 a 0 e sul 17 a 7 prima della fine del primo tempo. Non abbiamo giocato bene nei primi 40 minuti ma l’abbiamo gestita bene. Nel secondo tempo siamo calati e il campo piccolo non ci ha permesso di giocare il nostro rugby favorendo il ritorno dei padroni di casa che a 10 min dalla fine hanno impattato sul 20 pari. Da li in poi ci abbiamo provato mettendo tutto sulla bilancia per cercare di portare a casa vittoria e 4 punti ma il caldo e la poca lucidità in alcune scelte di gioco hanno fatto la differenza. Speriamo che questi due punti lasciati per strada non incidano troppo sulla nostra classifica che ci vede tutti molto vicini.

La squadra riserve comanda a punteggio pieno, mentre la prima è a metà classifica con 8 punti dietro agli Indians con 15 ma con una partità in piu’ e i MIRFC con 11. Dietro di noi seguono, ma sono ancora in attesa di sapere quanto hanno fatto nello scontro diretto SAB e QRC, SAB con 4 punti, QRC con 5 e Wanderers con 3.

Ora abbiamo un week end di sosta, per poi andare a trovare SAB fuori casa e gli Indians dell’altro coach Italiano. E’ imperativo recuperare in queste settimane tutti i giocatori infortunati erano infatti 9 ieri i giocatori non disponibili.

Resto comunque fiducioso, i ragazzi portano a casa sempre un pò di macinato, e alla lunga farà la differenza.

Un abbraccio a tutti e a presto.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

WEEK 2 OIRC VS CRQ

Finalmente siamo tornati a vincere in superleague a distanza di tre anni!!!

zach

Non siamo ancora al 100%, ci mancherebbe, sono ancora molti gli indisponibili, su tutti Sean e Mike che spero di avere a disposizione la prossima settimana e Peter che dopo la mostruosa partita di Montreal ha ben pensato di rompersi il naso nella prima drill dell’allenamento di martedi!!!

Ho deciso di fare 8 cambi, di cui 7 dal primo minuto, rispetto alla formazione che ha giocato contro i Montreal Irish. Abbiamo recuperato qualche pezzo da 90, in particolare due dei nostri migliori Ball carrier, Keegan(autore di 4 mete) e Ryan, oltre ad uno specialista nella rimessa laterale come Brian che in assenza di Mike ha capitanato la squadra alla prima vittoria annuale.

Come detto molti cambi di giocatori, nuova terza linea, nuova mediana e gioco completamente diverso rispetto al sabato precedente.

Mi sono goduto la partita sugli spalti, il lavoro fatto in settimana ha dato i suoi frutti e a livello di solidità difensiva la differenza si è vista. Il finale 44 a 7 ci sta anzi forse un pò stretto. Loro hanno segnato a fine partita quando ho ruotato tutta la panchina.
Dobbiamo imparare ad essere cinici, a volte forziamo troppo l’off load e ci interstadiamo perdendo prezziosi palloni.

La chiave di volta è stata sul 13 a 0 per noi, CRQ in attacco alla ricerca della meta che riapre la partita che decide di andare 3 volte di seguito in rimessa laterale invece di prendere il macinato con i piedi. Risultato noi che segniamo in mezzo ai loro pali in contrattacco, 20 a 0 e game over nonostante l’uomo in meno!!!

Mi rendo conto che sono i dettagli a far vincere le partite a questo livello, lavorare bene durante la settimana, arrivare pronti alla partita, un buon warm up e focus per tutti gli 80 minuti.

Sugli scudi della partita Keegan, autore di 4 mete e Brad Grant, tallonatore, super placcatore ovunque, il tipico giocatore che non si vede molto quando guardi la partita ma poi statistiche alla mano ti fa 20 placcaggi a partita, di cui molti positivi, ed è presente in almeno il 45% dei punti di incontro… che rate!!!

La giornata per la seconda squadra invece non era iniziata bene per niente. Pronti via, meta su intercetto per quebec city, peccato per loro che poi ne abbiamo segnate 10 noi chiudendo la partita sul 64 a 7.

Non c’è stata storia, abbiamo giocato meglio ovunque, i ragazzini hanno mostrato i muscoli un’altra volta.
In particolare Petro a 10, Ryan a 13 oltre a Dave a 8 mostrano sul campo perchè fanno parte delle selezioni regionali per la loro categoria. Palla in mano sono imbarazzanti comparati con i pari età delle altre squadre. Se a questo aggiungi che stanno giocando con altri 7-8 ragazzi di un anno o due piu’ vecchi che giocano da leader, capite perchè ogni sabato mi diverto a vedere questi ragazzini terribili giocare.

Abbiamo avuto con la seconda un nuovo debutto, con due mete, Adam Blandford. Adam ha fatto parte della squadra USA che si allenava per prendere parte all’olimpiade nella disciplina del BOB a 4. Lui, fidanzato con la capitana della squadra femminile, si è aggregato a gennaio al gruppo riuscendo a debuttare solo sabato scorso. Super atleta, mai giocato a rugby prima, solo tanto tanto football. Due mete all’esordio, belle corse palla in mano ma ancora tanto lavoro da fare.

Abbiamo anche un ragazzino terribile che gioca con la prima, si chiama Josh tranquilli Doherty. Ha giocato a numero 13 le prime due partite, anche lui come gli altri tre fa parte del gruppo delle selezioni regionali. 18 anni e anche per lui prima meta con la seniores sabato, tanta qualità a leadership a dispetto della giovane età.

I risultai delle prime due giornate sono di difficile lettura.
Ste anne, campione uscente ha fatto fatica a battere i Wanderers, fanalino di coda con due sconfitte su due, e ha perso sabato contro gli Indians. Al momento non sono al completo e avrebbe fatto comodo affrontarli ora. Quando recupereranno i nazionali e i provinciali saranno cazzi diversi. I montreal Irish hanno giocato due partite e vinte entrambe con il bonus e sono ora in cima alla classifica.
Indians e CRQ hanno invece giocato 3 partite visto che hanno anticipato di una settimana giocando contro il 17 maggio vincendone rispettivamente 2 con bonus e 1 con bonus.

Sabato giochiamo contro i Montreal wanderers. Due anni fa ci hanno battutti due volte su due in campionato, ma da allora di strada ne abbiamo fatta. Sono curioso di vedere come riusciremo a gestire i punti di incontro. Se riusciamo a limitarli nel gioco chiuso gli possiamo fare tanto tanto male.

Ci sentiamo settimana prossima con la speranza di potervi raccontare di una seconda e terza vittoria!!!

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento

WEEK 1 MIRFC vs OIRC

Scusate il ritardo ma le ultime due settimane sono state pienissime tra lavoro, famiglia e rugby.

Sabato 24 maggio 2014 abbiamo giocato contro i Montreal Irish, squadra tosta che ha vinto la stagione regolare l’anno scorso perdendo sul proprio terreno la finale playoff contro Ste Anne all’ultimo minuto per 3 punti.
Le cose non si sono messe bene fin dall’inizio della settimana. Molti infatti sono stati gli indisponibili e gli acciaccati e qualitativamente e quantitativamente non eravamo messi bene per la prima partita dell’anno.
Per vincere a Montreal devi avere tutti disponibili, noi siamo arrivati li con almeno 8 persone dei 22 della prima squadra non disponibili.
Oltre a questo dopo neanche 20 minuti nella partita ci siamo ritrovati sotto di 3 mete a 0, con altri tre infortuni sul groppone. Insomma benvenuta superleague!!!

Proprio quando c’erano tutti i presupposti per un tracollo, i ragazzi hanno tirato fuori i coglioni e guidati magistralemnte da Peter Narbaitz, mediano di mischia autore di due mete, sono riusciti a portare a casa un punticino di bonus per le quattro mete segnate. Ora, non che io sia felice, ma tutto fa brodo e con la situazione in cui ci siamo trovati riuscire a portare via dal campo della prima in classifica un punticino fa tanto morale. Quando abbiamo segnato la quarta meta allo scadere sembrava di aver vinto la coppa del mondo.

Nonostante il risultato ero contento, i ragazzi mi hanno dato tutto, e il 45 a 22 finale è frutto soprattutto di quei primi 15 minuti da panico dove siamo andati sotto 19 a 0.

La seconda, con una nidiata di giovani di belle speranze ha vinto nettamente una bella partita contro i MIRFC. Molte note positive sono arrivati proprio dai giovincelli che a dispetto dell’età hanno dimostrato sul campo una grande maturazione. I 5 punti portati a casa ci proiettano in cima alla classifica per il campionato riserve, bel modo per iniziare la stagione!!!

Il risultato finale di 34 a 19 ci sta un pò stretto ma resta comunque un ottimo modo di cominciare!!!

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento